MINNITI FRANCESCO 1916*

Written by  Francesco MINNITI
Rate this item
(0 votes)

MINNITI Francesco 01.03.1916 - 05.03.1952

Motta S. Giovanni è un piccolo comune adagiato sulle colline che si affacciano sul mar Ionio. E' da qui che negli anni 50, tanti giovani partivano in cerca di un futuro migliore, futuro però che troppo spesso finiva nel buio di una miniera o di una galleria.
Tra i giovani che videro infrante le proprie speranze c'era anche mio nonno Francesco MINNITI, nato a Valanidi il 01 marzo 1916.
Rientrato in Italia dopo aver combattuto in Spagna (Guerra Civile) e in Libia (II guerra Mondiale), inizia a lavorare come contadino presso una famiglia benestante di Lazzaro. A soli trentasei anni decide di lasciare quest'ultima occupazione per intraprendere quella di minatore nella provincia di Catania, precisamente a Troina (EN), dove si stava scavando per realizzare gallerie destinate a portare l'acqua dalla diga (Ancipa) alla centrale elettrica. Sperava, con questo nuovo lavoro, di migliorare le condizioni economiche della propria famiglia. Purtroppo però il destino fu a lui avverso.
Era la mattina del 4 marzo 1952 quando, nella galleria del pozzo B (dove si trovava per sostituire un collega assente per malattia) nella quale si svolgevano i lavori di escavazione appaltati dalla Sogene, si verificò uno scoppio di gas che travolse 11 operai uccidendone subito tre e ferendone altri 8. Trasportato unitamente agli altri minatori in ospedale moriva poco dopo presso il Vittorio Emanuele di Catania. Subito dopo il riconoscimento da parte dei parenti la salma rientrava a Motta S. Giovanni (paese di residenza) dove l'intera comunità stretta attorno alla moglie e ai quattro figli gli rendeva omaggio avendo ancora vivo il triste ricordo della sciagura di Troina avvenuta il 05.12.1950. Si spegneva così a soli 36 anni la vita di un uomo serio e onesto dedito alla famiglia e sempre disponibile ad aiutare il prossimo.
A tal proposito, ricorda mio padre che all'inizio degli anni 50 a Motta S. Giovanni ci fu un furto di bovini e che solo grazie all'impegno ed alla ricerca di mio nonno e di altri amici che essi vennero ritrovati.
Pochi altri sono i ricordi che mio padre ha di mio nonno in quanto al momento della sua morte aveva solo 12 anni, pochi per ricordare ma abbastanza per non dimenticare.
L'importanza di ricordare i caduti sul lavoro, la comunità di Motta S. Giovanni, lo fa attraverso l'Associazione Minatori Mottesi che con iniziative, eventi e manifestazioni, ricordano il sacrificio di chi ha contribuito alla costruzione della diga di Ancipa, che ad oggi, oltre a rappresentare una perla naturalistica, costituisce una delle maggiori risorse per l'approvvigionamento idrico della Sicilia centrale.


Fonti:
- Atti parlamentari 31545 - Senato della Repubblica 1948-52 - DCCLXXXI Seduta delle discussioni 12.03.1952
- Quotidiani del Tempo: l'Unità, mercoledì 5 marzo pag. 5
- Wikipedia, l'enciclopedia libera.

______________________________________________________________________
Documento inserito da: Francesco MINNITI (nipote)
Prot. n. : 78 del 29.10.2012

(testo conforme a quanto riportato nella scheda d'inserimento dati)

Read 1225 times Last modified on Mercoledì, 13 Aprile 2016 19:32

Newsletter

Lascia il tuo indirizzo email e resta sempre in contatto con noi