Mercoledì, 11 Febbraio 2015 10:23

SGRO' CARMELO 1920*

Written by  Dott. Antonino SGRO'
Rate this item
(0 votes)

SGRO' CARMELO 02.02.1920 - 05.09.2007   

Era l'anno 1932, all'età di 12 anni, aveva finito la scuola conseguendo la licenza elementare. Inizia l'attività lavorativa a tempo pieno. Primi lavori svolti nella coltivazione dei terreni agricoli insieme al padre Pasquale.
Nel 1936 nel paese di Motta S. Giovanni si iniziò la costruzione della Chiesa di S. Michele Arcangelo e fu impiegato con la qualifica di "garzone" dal 16.07.1936 al 03.12.1937 dall'impresa "Calabro Sicula" Seg. Fin. per l'Edilizia Asismica.
Nel febbraio del 1938 inizia l'emigrazione verso varie località del Centro-Nord dell'Italia.
Il 28.03.1939 fino al 22.07.1938 venne assunto, con la qualifica di manovale, dalla Impresa di Costruzione Pietro Cidonio a Salisano (RI) ove si costruiva un acquedotto. In data 18.07.1939 e fino al 21.05.1940 passò alle dipendenze della società per l'industria l'Elettricità "Terni" sempre al cantiere di Salisano.
Mentre lavorava a Salisano gli venne proposto di andare a lavorare in Albania alle dipendenze dell'Impresa Ing. A. Aurelli di Roma per cui lavorò nel cantiere di Durazzo dal 27.05.1940 fino al 20.06.1940 e nel cantiere di Burreli dal 22.06.1940 al 30.11.1940, passando poi all'Impresa Umberto Girola dal 02.12.1940 al 24.12.1940.
Rientrato in Italia perchè chiamato alle armi parte il 18.02.1941-matricola nr. 11933-(21); il 12.04.1941 viene nominato "marconista" ed il 07.05.1941 con il grado di caporale viene assegnato al 6° Btg Genio di Bologna-144° compagnia Marconisti-Trasmettitori di Etere. Parte per l'Africa Settentrionale imbarcandosi a Lecce in aereo e sbarcando a Bengasi. Catturato dagli Alleati in Tunisia il 11.05.1942 venne deportato in Inghilterra il 06.06.1942. Rimpatriato dalla prigionia il 21.07.1946 con imbarco a Dover e sbarco a Calais. Congedato il 24.07.1946.
Riprese la via dell'emigrazione per motivi di lavoro.
Venne assunto dall'Impresa Umberto Girola nel comune di Valtournenche per la costruzione del lago artificiale di Goillet vicino al Monte Cervino in Val d'Aosta il 24.05.1947, con la qualifica di minatore fino al 25.09.1947.
Il 18.09.1948 lavorò con l'Impresa A. Ghella e Figli cantiere di Laces-Coldano in Alto-Adige fino all'11.12.1948.
Dal 28.08.1949 fu alle dipendenze dell'Impresa Ing. G. Volpe nel cantiere di Chatillon in Val d'Aosta. Il 07.11.1949 venne licenziato con la motivazione che era un antifascista e quindi non gradito dal titolare.
Il 24.02.1950 lavorò con l'Impresa Farsura nel cantiere di Acri fino al 21.07.1950. Il 22.07.1950 fu assunto come minatore specializzato dall'Impresa Ing. Lodigiani nel cantiere Mucone in prov. di Cosenza fino al 24.11.1950.
Il 29.12.1950 lavorò con l'Impresa Ing. Nicola Rivelli nel cantiere di Mignano fino al 10.08.1951. Aveva, nel frattempo, conseguito la qualifica di "Minatore-Fochino" e questo sarà da ora in poi il suo lavoro prevalente nelle gallerie.
Dal 14.01.1953 e fino al 31.03.1953 lavorò nel cantiere di Vigo Rendena (TN) con l'Impresa per Costruzioni Cav. G. Angiolini & C.. Qui gli venne offerto di lavorare in Grecia con l'Impresa Ing. Lodigiani S. A. presso il cantiere di Ladhon e vi lavorò dal 04.07.1953 al 25.10.1954.
Ritornò in Italia e dal 28.06.1955 fino al 18.07.1955 lavorò con l'Impresa G. Angiolini a Marina di Maratea e dal 18.07.1955 fino al 24.03.1956 passò, sempre nel cantiere di Maratea, con l'Impresa Sogene. Dal 23.04.1956 lavorò con l'Impresa Costruzioni Idroelettriche Eugenio Grassetto nel Cantiere di Villa S. Giovanni fino al 04.05.1957.
Il 20.05.1957 va a lavorare nelle costruende gallerie autostradali di Barberino Mugello con l'Impresa Rubatto M. fino al 31.10.1957 qui subì un infortunio sul lavoro. Ritornò in Calabria nelle gallerie ferroviarie del cantiere di Palmi dal 18.11.1957 fino al 08.03.1958 prima con la Società Edison-Lavori ferroviari e poi con l'Impresa Angiolini- Bortolotti. Il 11.10.1960 ritornò a lavorare con l'Impresa Angiolini-Bortolotti nel cantiere di Pisciotta (SA) fino al 27.05.1961. Il 07.06.1961 tornò alle dipendenze della Società Edison nel cantiere di Torre Orsaia (SA) fino al 17.01.1963.
Dopo una parentesi di due mesi di lavoro in Svizzera nel Canton Vallese nella cittadina di Sion ebbe una offerta di lavoro in Italia precisamente in Sicilia e quindi rientrò.
Il 11.07.1963 con l'Impresa Ing. Guido Lambertini andò a lavorare nel cantiere di Termini Imerese fino al 19.12.1964. Il 25.01.1965 fu assunto dalla Impresa L.D.B. presso il cantiere di Cannitello ove si costruivano le gallerie per il raddoppio della linea ferroviaria e vi rimase fino al 24.08.1965, in questo cantiere dopo tredici giorni di lavoro ha subito un infortunio grave alla mano destra con danni permanente al pollice destro totalmente bloccato e riduzione della circolazione alle altre dita della mano dx. L'Inail gli riconobbe insieme all'invalidità alla mano anche la contrazione della malattia professionale della silicosi in conseguenza dei numerosi anni di lavoro trascorsi dentro le gallerie. Andò, successivamente, presso la Società Sogene-Autostrade Messina-Catania-cantiere galleria di Taormina sempre come minatore-fochino, dal 08.11.1965 al 08.08.1967.
Il 18.09.1968 e fino al 09.06.1969 lavorò con l'Impresa G. Voli come capo-minatore.
Il 17.06.1969 passò alle dipendenze come minatore-fochino dell'Impresa I.C.L.A. spa Cantiere Via Boschicello-rione Modena di Reggio Calabria per la costruzione della galleria reggina di Spirito Santo e vi rimase fino al 29.07.1971.
Il 10.08.1971 venne assunto come fochino dalla Impresa E. Romagnoli-Cantiere Messina Tangenziale ove si costruivano le gallerie dell'autostrada Me-Ct e vi rimase fino al 30.04.1973.
In questo cantiere subì un grave infortunio alla gamba destra che gli procurò un danna permanente, l'INAIL, dopo scrupolosissime e numerose visite lo dichiarò grande invalido del lavoro al 100%, sia per gli infortuni permanenti alla mano ed alla gamba destra, ma soprattutto per l'aver contratto in misura molto forte la "Silicosi" nei lunghi e duri anni di lavoro trascorsi nelle gallerie di mezza Italia ed all'Estero.

 

_________________________________________________________
Documento inserito da: Dott. Antonino SGRO' (figlio)
(Testo conforme a quanto riportato nella scheda d'inserimento dati)
Prot. n. 31 del 27.04.2010

Read 1093 times Last modified on Mercoledì, 13 Aprile 2016 16:27

Newsletter

Lascia il tuo indirizzo email e resta sempre in contatto con noi